Vampate e altri disturbi della perimenopausa, quali rimedi?

Vampate, caldane, sudorazioni notturne: sono tutti disturbi della perimenopausa. Ecco quali sono i rimedi.

Le vampate rientrano in un gruppo di disturbi vasomotori che iniziano a verificarsi a causa delle fluttuazioni ormonali, quando gli ormoni femminili iniziano a diminuire, proprio nel periodo della perimenopausa. Questi primi disturbi iniziano in genere tra i 45 e i 55 anni.

Parliamo del disturbo che più di tutti imbarazza e infastidisce le donne in perimenopausa. Non poche infatti ne soffrono: circa il 70% delle interessate conosce il disturbo che più di altri caratterizza questo periodo fisiologico della donna. Ma non è il solo. Alle vampate infatti si possono aggiungere anche altri disturbi, come sbalzi d’umore, insonnia, aumento di peso, secchezza vaginale.

Le vampate possono durare poco, in genere un paio di anni, ma ciò’ non toglie che siano il disturbo più odiato nel periodo che porta la donna al climaterio, ovvero il completo riposo dell’apparato riproduttivo femminile.

Quali sono oggi i rimedi per arginare i disturbi tipici della perimenopausa?

Una volta c’era solo la TOS, ovvero la Terapia Ormonale Sostitutiva. Oggi la percentuale di donne che assume la TOS è inferiore al 10%, perché oggi è possibile una scelta su misura ed anche una maggiore offerta tra le opzioni disponibili, opzioni che le nostre mamme non hanno conosciuto. Le donne di oggi, infatti, sono più fortunate delle loro mamme, perché in commercio ci sono prodotti che possono aiutare a diminuire i fastidiosi disturbi della perimenopausa. In commercio ci sono prodotti a base di estrogeni naturali (fitoestrogeni) come ad esempio gli isoflavoni di soia fermentati con l’equolo e il trifoglio rosso, che hanno dimostrato di essere molto efficaci per contrastare le vampate di calore e le sudorazioni notturne, ma anche gli sbalzi d’umore e i disturbi del sonno.

 Ridurre i disagi grazie alla prevenzione

Oggi conosciamo bene i processi che portano la donna verso la menopausa. Siamo in grado quindi di agire per tempo grazie alla prevenzione. Con alcuni accorgimenti possiamo alleviare i tipici sintomi, grazie ad una corretta alimentazione, ad esempio, e ad una costante attività fisica, anche leggera, come una passeggiata a passo sostenuto. Non va dimenticata l’importanza di una corretta alimentazione: cibi freschi, tante verdure e pochi grassi. Stop ai vizi come fumo e alcol.

 Quali controlli in perimenopausa?

E’ importante in questi anni svolgere controlli periodici, che vanno definiti insieme al vostro medico. Appuntamenti cadenzati per un giusto check-up, indispensabile per monitorare la salute generale.

Ad esempio, oltre agli esami ematochimici più comuni:

– Visita ginecologica e Pap-test

– Ecografia pelvica

– Ecografia transvaginale

– Visita senologica con mammografia. Importante la pratica costante per l’autopalpazione

 Cristina Perrotti

 

lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here