Si può fare la doccia con la febbre?

36159

Fare la doccia con la febbre è davvero sconsigliato o si tratta solo di un luogo comune? Facciamo chiarezza.

La febbre non è una patologia, bensì un sintomo che si manifesta a partire da stati infettivi e condizioni patologiche. Rappresenta il tentativo del nostro corpo di controllare fenomeni che ritiene pericolosi. Può dunque manifestarsi in caso di infezioni virali o batteriche e di patologie infiammatorie. Può anche essere la risposta a colpi di calore, farmaci o vaccini. Intorno alla febbre esistono molti luoghi comuni, come quello secondo il quale fare la doccia con la febbre sia dannoso e quindi sconsigliato. Ma cosa c’è di vero?

Si può fare, dunque, la doccia con la febbre?

Fare la doccia non è sconsigliato. Al contrario, anche quando si è malati, è molto importante badare alla propria igiene personale. Una doccia leggermente calda o tiepida ha senz’altro dei benefici quando si ha la febbre.

Fisiologicamente, infatti, l’acqua calda e il vapore acqueo contribuiscono a rilassare la muscolatura, dilatando i vasi sanguigni e regolarizzando la temperatura corporea. Durante la doccia poi, avviene che il vapore acqueo inalato riesce a raggiungere le mucose delle vie aeree, le idrata e riduce i sintomi dell’irritazione, decongestionandole.

Fondamentale è, però, evitare di esporsi a basse temperature prima, durante o dopo la doccia.

Prendere freddo, infatti, potrebbe causare i brividi, che aumentano la temperatura corporea contribuendo alla sensazione di disagio legata alla febbre. È quindi fondamentale fare attenzione che l’ambiente sia correttamente riscaldato e a non prendere freddo quando si esce dalla doccia.

Quali sono gli altri rimedi naturali contro la febbre?

Un alleato prezioso è il riposo. Restando a letto e cercando di dormire aiutiamo il nostro organismo a combattere l’infezione. Dobbiamo, quindi, evitare di praticare attività fisiche faticose per l’organismo, poiché in un quadro di infiammazione generalizzata, ciò può contribuire all’innalzamento della temperatura corporea.

Poiché uno dei sintomi associati alla febbre è la disidratazione, è molto importante idratarsi correttamente. È necessario, quindi, bere frequentemente, acqua ma anche spremute, tè verde e tisane.

Anche seguire la giusta alimentazione aiuta. I cibi da prediligere sono quelli semi-solidi, come le minestre, e poi i carboidrati e frutta e verdura per le loro proprietà antiossidanti. È sconsigliata, invece, l’assunzione di zuccheri e alimenti grassi.

In caso di alte temperature, impacchi di acqua fredda sulla fronte sono utili per diminuire temporaneamente la temperatura e il disagio. Per contro, in caso di brividi di freddo, è bene tenersi al caldo tramite l’utilizzo di coperte, bevande calde e riscaldamento degli ambienti.

Fonte: Humanitas Salute

Credits immagine: Pexels

Cristina Caramma

 

lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here