Si possono dividere le compresse senza correre rischi?

A volte dividere le compresse si rende necessario. Ma come farlo senza rischi? Ecco le raccomandazioni del Ministero della Salute.

Almeno una volta nella vita, ti sarai trovato davanti alla necessità di dover dividere le compresse. È importante, però, farlo in maniera corretta, perché commettere degli errori potrebbe rendere vana la cura. La corretta somministrazione dei farmaci, infatti, costituisce requisito indispensabile per l’efficacia e la sicurezza della terapia.

Dividere le compresse o frantumarle a volte è necessario.

Pensiamo al caso in cui il paziente sia un bambino o un anziano. Oppure il paziente abbia difficoltà a deglutire. O, ancora, sia necessario avere un dosaggio non disponibile in commercio.

Per fare in modo che, in caso di necessità, la divisione o frantumazione delle compresse avvenga in maniera sicura, il Ministero della Salute ha recentemente emanato una raccomandazione sulle regole da seguire.

La raccomandazione è la n.19 e fornisce, precisamente, le indicazioni per la manipolazione delle forme farmaceutiche orali solide, e quindi per la corretta gestione della terapia farmacologica orale, nei casi in cui non sia possibile somministrarle integre.

Per manipolazione si intende: la divisione di compresse; la triturazione,  frantumazione, polverizzazione di compresse; l’apertura di capsule.

Quali rischi si corrono nel dividere le compresse o nelle altre forme di manipolazione?

La manipolazione delle compresse, se non correttamente gestita, può causare:

  • instabilità del medicinale (con conseguente riduzione dell’efficacia);
  • effetti irritanti a livello locale;
  • errori in terapia.

Ciò può compromettere la sicurezza dei pazienti.

Secondo le raccomandazioni del Ministero quando si devono dividere le compresse:

  • bisogna farlo subito prima della somministrazione di ogni singola dose;
  • bisogna spezzarle lungo la linea di divisione (dove presente) e prestare attenzione nei casi di compresse senza linea di divisione, in quanto il taglio può determinare angoli vivi o facce ruvide;
  • è bene controllare visivamente che le porzioni siano delle stesse dimensioni;
  • non dividere le compresse in meno di un quarto, se non specificato dal produttore;
  • garantire l’igiene delle mani durante la manipolazione (e somministrazione della terapia) nonché l’igienizzazione dell’ambiente in cui viene fatta e degli strumenti utilizzati;
  • prestare estrema attenzione alle polveri sprigionate dalla frantumazione delle compresse: i principi attivi contenuti in esse, infatti, potrebbero venire accidentalmente inalati causando gravi problemi.

Importante, inoltre, non dividere o frantumare mai: capsule molli; compresse con rivestimento gastroresistente; compresse e capsule a rilascio prolungato/modificato;  in ogni altro caso in cui sia specificatamente vietato nel riassunto delle caratteristiche del prodotto.

Per un approfondimento:

Raccomandazione n. 19 – Ministero della Salute

Cristina Caramma

(Credits immagine: www.ok-salute.it/consigli/farmaci-prima-dopo-o-lontano-dai-pasti)

lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here