Quali sono i rischi del diabete in gravidanza?

Il diabete in gravidanza (o diabete gestazionale) è una condizione che mette a serio rischio la salute di madre e figlio ma che purtroppo è ancora poco conosciuta e ricercata.

Si definisce diabete gestazionale l’insorgenza di iperglicemia durante la gravidanza in una donna che non ne era affetta prima. Una gravidanza su 10 in Italia è insidiata da questa patologia.  Anche se nella maggior parte delle donne scompare dopo la nascita del bambino, il diabete in gravidanza non va sottovalutato per le possibili ripercussioni su mamma e nascituro.

Tutte le donne in gravidanza possono sviluppare questa forma di diabete ma il rischio aumenta se: si è in sovrappeso; si ha già avuto un figlio che pesava più di 4,5 kg alla nascita; in una precedente gravidanza era presente il diabete gestazionale; si ha familiarità per il diabete di tipo 2.

Quali sono i rischi del diabete in gravidanza per il bambino?

I rischi per il bambino sono:

  • eccessivo sviluppo del feto, con un peso alla nascita superiore ai 4-4,5 kg (macrosomia);
  • maggior rischio di frattura e distocia (mancata espulsione) di spalla, un’emergenza ostetrica;
  • crisi ipoglicemica, alterazioni cardiache o respiratorie al momento del parto;
  • possibilità di sviluppare patologie del metabolismo in età adulta.

Quali sono, invece, i rischi per la mamma?

I rischi per la mamma sono:

  • sviluppo del diabete di tipo 2 negli anni successivi: secondo i dati, su dieci donne che hanno avuto il diabete in gravidanza, quattro svilupperanno il diabete di tipo 2 vent’anni dopo;
  • complicazioni durante il parto (lacerazione vaginale, emorragie post-parto, ecc.) e maggior ricorso al parto cesareo;
  • possibile sviluppo di ipertensione in gravidanza, che può causare complicanze.

Quali sono gli esami da fare per scoprire se si ha il diabete in gravidanza?

Occorre eseguire il test da carico orale di glucosio, che consiste nel sottoporsi a un prelievo di sangue a digiuno per misurare la glicemia (concentrazione di glucosio nel sangue). E, successivamente, bere un bicchiere d’acqua che contiene 75 grammi di glucosio. Dopo di che si eseguono altri due prelievi a distanza di 1 ora e di 2 ore.

Il test è eseguito tra la 16° e la 18° settimana di gravidanza e poi tra la 24° e la 28°.

Quali sono le cure?

Una volta fatta la diagnosi, è fondamentale un adeguato controllo della glicemia e il suo monitoraggio giornaliero con dispositivi portatili. Il diabete gestazionale si cura innanzitutto con una corretta alimentazione in termini di qualità e quantità dei cibi. Pochi giorni di una dieta corretta consentono di normalizzare le glicemie nella grande maggioranza dei casi. Solo in una minoranza di casi sarà necessario ricorrere alla terapia insulinica.

Fonti:

Corriere.it

Ministero della Salute

Cristina Caramma

(Credits immagine: verywellfamily.com/gestational-diabetes-and-premature-birth-4135642)

lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here