Ho sempre mani e piedi freddi! Cosa posso fare?

109453

Hai costantemente mani e piedi freddi? Guanti e calzettoni non ti aiutano? Ecco quali possono essere le cause e cosa può aiutarti.

Avere mani e piedi freddi è un problema comune di cui soffrono soprattutto le donne. Questo perché i termorecettori, che reagiscono alle variazioni di temperatura, nelle donne sono più sensibili. Il corpo reagisce al messaggio di allarme legato al freddo allertando il sistema cardiovascolare e concentrando subito il calore negli organi vitali, primi tra tutti cuore e cervello. Per evitare che il calore si disperda i vasi sanguigni delle estremità si restringono e mani e piedi diventano freddi.

Mani e piedi freddi possono essere anche segnalare la presenza di alcune patologie. Tra le quali:

  • Scarsa circolazione: i problemi circolatori possono essere conseguenza di una condizione cardiaca in cui il cuore si sforza di pompare il sangue attraverso il corpo ad un ritmo abbastanza rapido, oppure possono essere il risultato di uno stile di vita troppo sedentario.
  • Anemia: l’anemia, caratterizzata dalla diminuzione di emoglobina nel sangue è una causa comune di mani e piedi freddi.
  • Diabete: il diabete può causare danni ai nervi, dando al paziente la sensazione di avere gli arti freddi, spesso accompagnata da intorpidimento o formicolio. In questo caso, è importante rivolgersi subito al proprio medico.
  • Ipotiroidismo: una tiroide che presenta funzionalità ridotte provoca freddo alle estremità del corpo unite a una generale insofferenza alle basse temperatura, stanchezza e debolezza croniche, pallore e aumento di peso.

Cosa posso fare se soffro di mani e piedi freddi?

Innanzitutto, semplicemente, copriti. Indossa il cappello, perché la maggiore dispersione di calore si ha dalla testa. E poi guanti e scarpe calde.

In secondo luogo, muovi gli arti per stimolare la circolazione periferica. Esistono esercizi specifici per mani e piedi, che non solo ti consentono di riattivare la microcircolazione ma li rendono anche più forti e resistenti.

Per riattivare la circolazione consigliato è il percorso Kneipp.

Si tratta di un percorso che alterna bagni in acqua calda e fredda. È un classico dei centri termali, ma puoi farlo anche a casa, semplicemente utilizzando due bacinelle. Riempi la prima vaschetta di acqua calda, non bollente, e versa un pugno di sale. Nella seconda metti acqua fredda e 5 cubetti di ghiaccio. Entra, quindi, nell’acqua calda, rimanendo 2 minuti, poi nella fredda, cercando di resistere lo stesso tempo. Ripeti, per altre 2 volte, dimezzando ogni volta i tempi.

Lo shock termico che deriva da questo percorso stimola l’apparato circolatorio e migliora la termoregolazione ed è quindi l’ideale per riattivare la circolazione degli arti. Inoltre, rinforza il sistema immunitario e riduce gonfiori e pesantezza.

Fonti:

Donna Moderna

Pazienti.it

Credits immagine: Pexels

Redazione Chiedi alla dottoressa

lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here