Freddo e dolori articolari: che relazione c’è?

5663

Molti pazienti che soffrono di malattie reumatiche e dolori alle articolazioni dichiarano di stare peggio quando le temperature si abbassano. Ma che relazione c’è tra freddo e dolori articolari?

La stagione fredda è un momento critico per chi soffre di malattie reumatiche come artrosi e artrite. Anche per chi non soffre di queste patologie, ma semplicemente di dolori alle articolazioni e alla schiena, le basse temperature portano una maggiore sofferenza. Scopriamo qualcosa in più sulla relazione tra freddo e dolori articolari.

Freddo e malattie reumatiche

L’artrosi è una patologia degenerativa dell’articolazione.

Per chi ne soffre, usare le articolazioni, compiendo gesti come scrivere o afferrare qualcosa, genera un aumento del dolore. Il dolore meccanico che può colpire ginocchia, pollice, alluce, aumenta con il freddo.

L’artrite è una patologia caratterizzata da uno stato di infiammazione che porta al danno articolare.

Al contrario dell’artrosi, nell’artrite il dolore migliora se l’articolazione viene fatta muovere. Un tipico segnale dell’artrite è la rigidità articolare al risveglio, in particolare alle mani, che dura molte ore o addirittura l’intera giornata.

Anche se qualche paziente che soffre di artrite può trarre beneficio dal contatto con il freddo, ad esempio applicando del ghiaccio, in linea generale, il dolore da infiammazione (come quello dell’artrite) tende a migliorare con le temperature più calde.

In entrambe le patologie è soprattutto l’umidità a giocare brutti scherzi, provocando un aumento del dolore.

Freddo e dolori articolari – Il disturbo di Raynaud

Il disturbo di Raynaud è caratterizzato da un eccessivo raffreddamento e cambiamento di colore di alcune aree del corpo – in genere le dita, la punta del naso e le orecchie – in presenza di basse temperature o in condizioni di stress. È causato da un anomalo restringimento dei vasi sanguigni (vasospasmo) nelle zone periferiche del nostro organismo, quali le dita, che diventano prima bianche, poi blu, poi rosse. È un disturbo frequente nelle giovani donne.

Freddo e dolori articolari – Il mal di schiena

Nel corso della stagione invernale anche il mal di schiena tende ad acutizzarsi. Il freddo è un pessimo compagno di viaggio per le contratture muscolari che possono essere alla base di alcuni mal di schiena, soprattutto nella regione cervicale.

In genere, il mal di schiena non deve prestare particolari preoccupazioni. È il caso di allarmarsi se  il mal di schiena esordisce in giovane età, dura per più di tre mesipeggiora nettamente con il riposo (soprattutto notturno) e migliora camminando e utilizzando la schiena.

Fonte: Humanitas

Cristina Caramma

(Credits immagine: osss.it/freddo-le-mani-cambiano-colore)

lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here