Cos’è l’ernia inguinale?

20029

L’ernia inguinale è la più comune delle ernie e colpisce più frequentemente gli uomini. Ecco i sintomi, le cause, le cure e come puoi fare prevenzione.

L’ernia è la fuoriuscita di un viscere dalla cavità naturale che lo contiene. L’ernia inguinale si verifica quando un tratto di intestino, generalmente l’intestino tenue, sporge attraverso un punto debole della parete addominale. Può interessare solo il lato destro o solo il sinistro oppure entrambi, in questo caso si parla di ernia bilaterale.

Quali sono i sintomi dell’ernia inguinale?

L’ernia inguinale si presenta come un rigonfiamento di dimensioni variabili che compare nella zona dell’inguine. Di norma, si riduce fino a scomparire sdraiandosi a pancia in su. Con il tempo, però, il rigonfiamento può ingrossarsi e negli uomini interessare anche la sacca che contiene i testicoli (scroto).

I sintomi più comuni causati dall’ernia inguinale sono senso di peso e fastidiofino al dolore vero e proprio. Il dolore può interferire con le normali attività quotidiane come lo stare in piedi, camminare e, talvolta, anche digerire.

Quali sono le cause?

L’ernia inguinale può essere presente sin dalla nascita o svilupparsi più tardi a causa di una serie di fattori che favoriscono l’indebolimento della parete addominale, quali:

  • sedentarietà;
  • sovrappeso;
  • gravidanza;
  • sforzo fisico eccessivo;
  • tosse cronica;
  • stitichezza;
  • presenza di un punto debole della parete addominale.

Come avviene la diagnosi e quali sono le terapie per l’ernia inguinale?

È necessario rivolgersi al medico quando si notano dei rigonfiamenti in corrispondenza della regione inguinale. Per accertare la presenza di ernia, in genere basta una visita medica.

Essendo un problema di natura meccanica, non esiste alcun farmaco in grado di curare l’ernia. I farmaci, infatti, possono alleviare il dolore, ma non curano l’ernia inguinale che, salvo controindicazioni, va risolta con un intervento chirurgico.

Come fare prevenzione?

Per prevenirla, è importante ridurre la tensione sui muscoli addominali e sui tessuti. Per farlo, bisogna:

  • mantenere un peso corporeo controllato;
  • mangiare cibi ricchi di fibre, frutta, verdura e cereali integrali che possono aiutare a prevenire stitichezza e tensione addominale;
  • piegarsi sempre sulle ginocchia se si deve sollevare qualcosa di pesante, in modo di evitare di sforzare la parete addominale;
  • smettere fumare: il fumo può provocare una tosse cronica che può causare, o aggravare, un’ernia.

Fonte: Istituto Superiore di Sanità

Cristina Caramma

(Credits immagine: spazio-medico.it/evitare-la-chirurgia-dellernia-inguinale-si-puo)

lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here