Bufale e falsi miti del benessere

Su ciò che fa bene o fa male alla nostra salute, si legge tutto e il contrario di tutto. Il rischio di incappare in falsi miti del benessere è alto. Ecco quali sono i più comuni. 

Secondo un’indagine del Censis, un italiano su tre cerca online informazioni mediche e indicazioni per un corretto stile di vita incappando, spesso, in notizie false. Sono molti, infatti, le bufale e le credenze popolari alimentati da una cattiva informazione. Smascheriamo, allora, i falsi miti del benessere più diffusi.

Falsi miti del benessere – I rimedi naturali sono più efficaci e privi di controindicazioni.

I rimedi naturali (o fitoterapici) sono impiegati talvolta con successo. Ma possono anche rivelarsi inefficaci, interagire con altre terapie oppure dare effetti indesiderati. La liquirizia, ad esempio, è spesso usata per il bruciore di stomaco, ma non è completamente sicura: bastano, infatti, 50 grammi al giorno, per 2 settimane, a provocare pericolose irregolarità del battito cardiaco. Ha senso, poi, dire che i normali farmaci non siano naturali? L’insulina, ad esempio, cura il diabete, ma scorre naturalmente nel nostro sangue!

I super cibi miracolosi.

Ogni volta ci caschiamo: leggiamo “cibi miracolosi” e confidiamo nella scoperta del magico alimento che sarà in grado di guarirci, senza usare medicine tossiche e costose terapie. Carbone vegetale per eliminare le tossine, ananas per dimagrire, papaya fermentata come elisir di lunga vita, cannella per curare il diabete: sono solo alcuni dei falsi miti in cui incappiamo quotidianamente.

Falsi miti del benessere – Gli integratori come sostituti di una dieta bilanciata

Ci sono diversi studi che dimostrano come l’utilizzo di integratori non abbia gli stessi effetti benefici e di prevenzione per l’organismo, ottenuti con l’ingestione dei nutrienti attraverso il cibo. Fondamentale è quindi seguire una dieta bilanciata, consumando più verdura e frutta, pesce e altri alimenti ricchi di omega 3 o omega 6 e meno grassi animali.

Come scoprire se si tratta di false notizie e cure inutili?

La prima cosa da fare, è rivolgersi al proprio medico di famiglia, che sarà in grado di darci la corretta informazione su tutti i prodotti in commercio, segnalandoci “bufale” e prodotti falsamente miracolosi.

Importante è anche fare sempre attenzione alle fonti quando si cercano notizie mediche online. Occorre, infine, guardare con sospetto le notizie che si basano sull’accusa di fondo di un complotto da parte della comunità scientifica che è invece l’unica vera fonte a cui affidarsi nel campo della salute.

Fonti:

Humanitas Salute

Istituto superiore di Sanità

Cristina Caramma

(Credits immagine: italiaatavola.net/salute/alimentazione/2018/10/13/falsi-miti-alimentazione/57693)

lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here