Conosci i benefici della dieta pescetariana?

6985

La dieta pescetariana o pescatoriana include pesce e crostacei, frutta e verdura, latticini e uova, cereali. Scopriamone tutti i benefici.

La dieta pescetariana è, in sostanza, una dieta vegetariana che include anche il pesce e altri alimenti dal mare. Si tratta senz’altro di una scelta alimentare completa, che abbina le vitamine, i minerali e le sostanze fitochimiche degli alimenti di origine vegetale agli acidi grassi (omega-3) dati dai prodotti del vengono dal mare.

Per seguire una dieta pescetariana, nel bilanciamento del pasto la componente delle verdure deve aggirarsi sul 50% e quella del pesce o delle proteine vegetali sul 25%. Mentre il restante 25% deve essere rappresentato da cereali integrali o carboidrati complessi.

Quali sono i benefici della dieta pescetariana?

Gli esperti sono tutti d’accordo: consumare pesce fa molto bene alla nostra salute.

Diversi studi hanno evidenziato come il consumo regolare di pesce aiuti a migliorare la salute cardiovascolare, grazie alla presenza degli omega 3 che hanno effetto benefico sul cuore, sulla circolazione ed abbassano anche i livelli di colesterolo.

Un recente pubblicato sul Journal of Epidemiology and Community Health, ha dimostrato come l’età di presentazione della menopausa varia in base alla dieta: in particolare, maggiori quantità di pesce grasso e legumi freschi farebbero slittare più avanti il momento della menopausa.

Le diete vegetariane, semivegetariane e pescetariana si associano a un indice di massa corporea inferiore, migliori indicatori di salute metabolica, pressione sanguigna e riduzione del rischio di diabete di tipo 2.

Ci sono degli svantaggi nella dieta pescetariana?

Se una dieta puramente vegetariana può portare a una carenza di vitamina B12, importante per il mantenimento di un sistema nervoso sano, la formazione di globuli rossi e DNA e il metabolismo delle proteine. Nella dieta pescetariana ciò viene compensato con la presenza di cibi ad alto contenuto di B12, quali crostacei, uova, latte e latticini e alcuni cereali arricchiti.

Quale tipo di pesce preferire?

Sicuramente è da preferire il pesce azzurro, ricchissimo di omega 3, acidi grassi insaturi, vitamine (B, D e E) e sali minerali (fosforo, ferro e iodio) e con un buon potere saziante.  Le specie più conosciute di pesce azzurro sono le aringhe, le alici, le aguglie e lo sgombro ma anche tonno e pesce spada rientrano in questa categoria. Raccomandati anche i pesci d’acqua dolce come trote e persici e crostacei come gamberetti, ostriche e vongole.

È preferibile, infine, consumare il pescato rispetto al pesce di allevamento perché presenta una carne più soda, più ricca di omega 3 e più povera di grassi saturi.

Fonti:

Humanitas Salute

Fondazione Veronesi

Cristina Caramma

(Credits immagine: pexels.com/it-it/foto/acquolina-in-bocca-cena-cibo-cipolla-1516415/)

lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here