Perché avere un intestino sano è importante per corpo e mente?

3555

Un intestino sano è fondamentale per il benessere non solo del corpo e ma anche della nostra psiche. Ecco perché e quali sono i segnali a cui devi fare attenzione.

L’intestino è un sistema molto complesso che non svolge solo una funzione di depurazione ma che ha anche tanti altri ruoli, tra cui quello di regolare le emozioni.

L’intestino dialoga con il sistema nervoso.

L’intestino è chiamato anche secondo cervello, perché contiene milioni di cellule nervose ed è collegato con il cervello primario attraverso decine di neurotrasmettitori, ormoni e molecole. Per queste ragioni risente non solo delle abitudini sbagliate, ma anche dello stress.

L’intestino dialoga continuamente con il sistema nervoso attraverso una serie di segnali veicolati da neurotrasmettitori prodotti dagli psicobiotici.

Gli psicobiotici sono batteri intestinali che influenzano in positivo il funzionamento del sistema nervoso.

Da una parte, se l’intestino è in forma, l’umore è più alto e la memoria funziona meglio perché aumentano i livelli di serotonina e di acido gamma-aminobutirrico (GABA) detto anche “ormone della serenità”.

D’altra parte, se siamo stressati, l’intestino non funziona a dovere, non vengono più prodotti gli psicobioti e, di conseguenza, il benessere psico-emotivo ne risente.

Non è un caso che, quando siamo preoccupati o spaventati, possiamo essere colpiti da dissenteria.

Un intestino sano svolge una funziona essenziale nella difesa delle malattie.

Ciò avviene grazie ai miliardi di batteri intestinali buoni (il microbiota), i quali non solo svolgono funzioni digestive, ma producono sostanze che stimolano le difese.

Come facciamo a sapere se abbiamo un intestino sano?

Quando l’intestino non funziona correttamente, compaiono alcuni sintomi. Ecco a quali fare attenzione.

Stitichezza, diarrea, gonfiore e crampi.

Abitudini sbagliate e stress riducono i movimenti dello stomaco che aiutano la digestione ma, al tempo stesso, stimolano la produzione di succhi gastrici. Di conseguenza, il cibo che scende nell’intestino è solo parzialmente digerito, ma è molto acido. Questo impoverisce i batteri buoni dell’intestino, che faticano a lavorare correttamente.

Il cibo va incontro a fermentazione e ciò può causare diarrea e formazione di gas, con gonfiore e crampi. Oppure la peristalsi intestinale (i movimenti involontari che spingono il cibo nel tratto intestinale) è rallentata e compaiono problemi di stitichezza.

Problemi a pelle, unghie e capelli.

La pelle è la prima a risentire di un cattivo funzionamento dell’intestino. Le scorie non eliminate entrano nel circolo sanguigno, creando una situazione di intossicazione. Inoltre, il malassorbimento delle sostanze nutritive può provocare carenza di ferro, minerali e vitamine. Il prurito è il primo sintomo.

Anche unghie e capelli si indeboliscono, perché l’intestino non assorbe i nutrienti e non vengono prodotte le sostanze che li rendono forti.

Fonte: Donna Moderna

Cristina Caramma

(Credits immagine: pixabay.com/it/photos/ibs-probiotici-intestino-stomaco-5308379/)

lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here